homeAPPROFONDIMENTIDISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO E DISLESSIA

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO E DISLESSIA


DSA -
Disturbi Specifici di Apprendimento
e Dislessia
In riferimento alla normativa vigente (C.M. Prot. 4099/A/4 del 5.10.2004; C. Prot. N. 26/A
del 5.01.2004; Nota Prot. N. 1787 Esami di Stato 2004/2005L. n. 4 del 9.01.2004), i
genitori degli alunni dislessici certificati hanno il diritto che, per i propri figli, siano
adottati strumenti e metodologie di apprendimento e di verifica che:
- tengano conto delle difficoltà;
- possano consentire la compensazione dello svantaggio;
- utilizzino strumenti che riducano l’inferenza delle difficoltà nello svolgimento delle
attività.
USO TERMINOLOGICO
DSA: (Disturbi Specifici di Apprendimento) “Disturbi che interessano le abilità
scolastiche, lasciando intatto il funzionamento intellettivo generale”.
I DSA si riferiscono alla DISLESSIA, DISORTOGRAFIA, DISGRAFIA, e DISCALCULIA.
DISLESSIA EVOLUTIVA: “Disturbo specifico di decodifica della lettura”.
DISGRAFIA: “Disturbo di natura motoria (Deficit nei processi di realizzazione grafica).
DISORTOGRAFIA: “Disturbo di natura linguistica (Deficit nei processi di cifratura).
DISCALCULIA: “Disturbo del calcolo (Debolezza nella struttura cognitiva delle
componenti di cognizione numerica cioè intelligenza numerica basale; debolezza che
coinvolge procedure esecutive cioè lettura, scrittura e messa in colonna dei numeri;
debolezza nel calcolo cioè recupero dei fatti numerici e algoritmi del calcolo scritto).
COME SI MANIFESTANO I DSA
Se si svolgono gli esercizi di prescrittura e di prelettura, le difficoltà possono essere
notate fin dall’ultimo anno della Scuola dell’Infanzia, o in prima e seconda classe della
Scuola Primaria.
A volte i dislessici compiono:
ERRORI FONOLOGICI
Scambio di grafemi (b/p- d/b- p/q- a/e)
Omissioni o aggiunte di lettere o sillabe (bambino/ bamino)
Inversioni di lettere o numeri (il/li- per/pre- 51 / 15)
Scrittura inesatta di grafemi (sh- sch- ghi)
Sostituzione di suoni vicini (m/n- f/v- t/d- s/z- c/g- p/d)
Sostituzione di suoni scritti in modo simile (n/u-p/q-d/p)
ERRORI NON FONOLOGICI
Separazioni illegali (in-sieme)
Fusioni illegali (lacqua - nonèvero)
Scambio grafema omofono (quore- squola- quaderno)
Omissione o aggiunta di h
Inoltre i bambini con DSA spesso:
- incontrano difficoltà nel memorizzare informazioni in sequenza, i giorni della
settimana, i mesi dell’anno, le tabelline;
- possono fare confusione nei rapporti spazio-temorali (destra/sinistra - ieri/domani -
mesi/giorni)
- disegnano male o in maniera poco coordinata;

hanno un linguaggio poco raffinato;
- eseguono con lentezza e disorganizzazione i compiti assegnati;
- copiano con difficoltà dalla lavagna;
- incontrano difficoltà nell’esprimere verbalmente ciò che pensano in modo chiaro e
corretto;
- incontrano difficoltà di coordinazione oculo- motoria;
- hanno una ridotta capacità motoria;
- hanno una ridotta capacità di attenzione e di concentrazione.
Alcuni bambini hanno problemi psicologici (frustrazione, scarsa motivazione allo studio,
comportamenti di rifiuto ed oppositori, scarsa fiducia in se stessi, ansia) ma solo come
conseguenza e non come causa dei DSA.
I dislessici di solito non presentano:
- Difficoltà di ragionamento
- Difficoltà di comprensione delle spiegazioni orali
- Difficoltà di comprensione del testo (se letto da terzi)
- Difficoltà di comunicazioni sociali.
FREQUENZA
La dislessia evolutiva colpisce il 4% dei bambini in età scolare e si presenta in diversi
livelli di gravità.
DIAGNOSI
La diagnosi (di solito dopo la prima o la seconda classe della Scuola Primaria), articolata
in due fasi (Diagnosi clinica e Profilo funzionale), è fatta da specialisti sanitari esperti
(neuropsichiatra infantile, psicologo, logopedista) mediante test. Dopo la diagnosi si
ricorre ad interventi specifici attraverso tecniche di riabilitazione e di compenso.
STRUMENTI DISPENSATIVI E COMPENSATIVI IN CASO DI DISLESSIA
Gli strumenti dispensativi sono tutti i mezzi che l’insegnante ha a disposizione per
ridurre gli effetti dello svantaggio:
- dispensa dalla lettura ad alta voce;
- dispensa dalla scrittura veloce sotto dettatura;
- dispensa dall’uso del vocabolario;
- dispensa dallo studio mnemonico delle tabelline;
- dispensa dallo studio della lingua straniera in forma scritta;
- programmazione di tempi più lunghi per prove scritte e per lo studio a casa;
- riduzione della lunghezza della prova;
- divisione della prova in assegnazioni di breve durata;
- organizzazione di interrogazioni programmate;
- valutazione delle prove (scritte e orali) con modalità che tengano conto del
contenuto e non della forma.
Gli strumenti compensativi sono i mezzi che la scuola deve proporre e utilizzare per
ridurre gli effetti dello svantaggio:
- uso della calcolatrice;
- uso di schedari quali tabelle con formule e misure, schema di tempi verbali…;
- uso del computer;
- uso di software (videoscrittura con correttore ortografico, sintesi vocale, scanner,
dizionari digitali, traduttore automatico, libro parlato;
- uso dell’audioregistratore;
- uso di copie di supporto digitale dei testi in adozione.
Gli strumenti dispensativi e compensativi devono essere usati in tutte le fasi del
percorso scolastico (lezioni espositive, attività di produzione, verifiche formative,
verifiche sommative, compiti per casa, valutazione finale, esami di Stato).
VALUTAZIONE
Gli insegnanti devono:
- Valutare separando l’errore dal contenuto;
- Porre attenzione all’impegno;
- Predisporre verifiche scalari (dal più semplice al più difficile);
- Valutare il dislessico in rapporto alle capacità e alle difficoltà;
- Far usare calcolatrice, tavola pitagorica, tabelle con formule, cartine geografiche,
linee del tempo, tabelle varie, striscia dell’alfabeto, retta ordinata dei numeri,
computer.
 

Inserisci i tuoi dati

Password persa? 

Ricorda Password:

NO

SI

Procedura Ripristino Password.

Inserisci l'email con la quale ti sei registrato e clicca Ripristina.
Riceverai un'email con un link che ti permetterà di scegliere una nuova password.